Lido 84

Chef Riccardo Camanini

Un sogno che diventa realtà… è questo il Lido 84 per Riccardo Camanini, classe ’73, bergamasco di nascita, la sua bravura, la sua preparazione e la sua umiltà hanno solide radici. Appena diciannovenne varcò le soglie dell’Alberta accanto a Gualtiero Marchesi, il Maestro che insegnava lo stile e l’originalità. Successivamente vola a Londra da Raymond Blanc per sei mesi e a Parigi per un anno da Jean-Louis Nomicos a La Grande Cascade, dove Ducasse era consulente. Infine tornò in Italia e approdò a Villa Fiordaliso ddove si fermò 16 anni.
Alla soglia dei 40 anni ha sentito l’esigenza di vivere un’esperienza professionale differente, di avere il suo piccolo luogo in cui dare sfogo alla sua creatività.
A 300 metri da Villa Fiordaliso, Riccardo e il fratello Giancarlo, si tuffarono nel loro progetto e, su quello specchio d’acqua cristallino della sponda di Gardone Riviera, inaugurano nel mese di marzo 2014 un’isola gourmet immersa nel verde, il Lido 84. Locale intimo e informale, pareti color ottanio, ampie vetrate, un luogo che trasmette calma ed armonia indispensabili per godersi il pasto e concedersi una fuga dalla frenesia cittadina.
Un’avventura di immediato successo, che dopo solo 6 mesi dall’apertura, ha permesso di conquistare la stella Michelin e i riconoscimenti della guida del Gambero Rosso ed Espresso.

 

Piatti sorprendenti, bilanciati, leggeri, apparentemente semplici, il cui equilibrio è dato dall’unione di pochi ingredienti disposti alla perfezione! Una cucina sicuramente creativa e di concezione marchesiana.

Un esempio è la memorabile cacio e pepe in vescica o lo spaghettone con burro e lievito di birra, un piatto nell’apparenza semplice ma che racchiude in sé il perfetto equilibrio di sapori e consistenze.
La perfetta unione di acidità e dolcezza, morbidezza e croccantezza.
Lasciatevi catturare come me dal menù a mano libera “oscillazioni”… un susseguirsi di piatti che trapelano di passione, entusiasmo e genialità. Ogni singola preparazione è rimasta impressa nella mia mente con la voglia di assaggiarla nuovamente.
Sicuramente il Lido 84 diventerà una delle mie tappe di eccellenza. 

 

Share This: